PROGRAMMA

LE COSE FATTE DA PORTARE AVANTI

OAMI / FONDAZIONE

Grazie al percorso iniziato due consiliature fa, la Fondazione dell’Ordine degli Architetti di Milano (OAMI) ha oggi una struttura consolidata ed organizzata, una direzione ed una direttrice in grado di portare avanti l’attività in modo autonomo ed efficace. Negli ultimi 4 anni Fondazione ha più che raddoppiato la propria capacità di produzione passando da un bilancio di circa 400.000€ a uno di quasi 870.000€ con una capacità di raccolta propria di fondi quasi raddoppiata.

TRASPARENZA E INCLUSIVITÀ

Con l’obiettivo di rinnovare e rendere più chiari i procedimenti per l’assegnazione degli incarichi e delle consulenze sono state definite norme in grado di garantire e salvaguardare l’imparzialità, la trasparenza e l’inclusività. Attraverso il meccanismo della ‘open call’ gli iscritti hanno potuto partecipare attivamente con le loro proposte alle attività culturali e formative di Ordine ed hanno oggi la possibilità di sentirsi veramente parte dell’istituzione.

PIATTAFORMA DIMMI

Costruita come strumento finalizzato principalmente all’erogazione di servizi ed informazioni di supporto alla professione, la piattaforma ‘DIMMI’ è diventato il contenitore dentro il quale sono stati fatti convergere tutti i saperi di Ordine raccolti negli anni da fonti proprie o attraverso i diversi consulenti. Oltre al normale servizio attraverso il quale le FAQ proposte dagli iscritti vengono periodicamente aggiornate, DIMMI ha rappresentato - durante la prima fase della pandemia - una fonte di informazione fondamentale in grado di aggiornarsi continuamente e tempestivamente per fornire agli iscritti le risposte che il momento di grande incertezza ha richiesto ed arrivando a raggiungere 14'000 visualizzazioni al mese.

CONCLUSIONE DEI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI

L’Ordine degli Architetti di Milano ha concluso, unico in Italia, tutti gli oltre 1200 procedimenti disciplinari  legati al mancato raggiungimento dei necessari crediti formativi nel primo triennio dalla sua istituzione. I procedimenti stessi sono stati un importante momento di ascolto e di confronto con molti professionisti in difficoltà ed i dati raccolti in quell’occasione, condivisi con il Consiglio Nazionale degli Architetti, sono diventati la base della discussione relativa alla modifica delle Linee Guida e delle relative sanzioni.

TRASFORMAZIONE DIGITALE

è stata ridisegnata l’architettura dei servizi erogati da OAMi e Fondazione OAMI ai propri iscritti, con consistenti investimenti sugli strumenti digitali. Il nuovo sito ordinearchitetti.mi.it, che sarà pubblicato nel mese di ottobre, permetterà un uso agevole e immediato di un’ampia serie di servizi e strumenti. Grazie alla riprogettazione degli strumenti di gestione (cms, cmr e app) sarà possibile implementare in futuro percorsi personalizzati sulle esigenze di ogni singolo iscritto, in un’ottica di semplificazione e di accesso diretto e trasparente a informazioni e servizi.

CONCORRIMI

Inaugurata nel 2014, la piattaforma ‘CONCORRIMI’ ha ormai raggiunto il traguardo dei 50 concorsi banditi. Pur agendo all’interno di norme regolate a livello nazionale, lo strumento ha trasformato nel segno della trasparenza e della la semplicità le procedure concorsuali diventando di fatto un modello seguito anche da altri ordini professionali nella messa a punto delle proprie piattaforme.

TIROCINI

E’ stato avviato il nuovo programma che permette di utilizzare i tirocini in sostituzione della prima prova dell’esame di stato. Nato come un obbligo di legge il tirocinio è stato quindi sviluppato in modo da diventare un servizio in grado di mettere in contatto gli studenti interessati con realtà selezionate che possano avviarli al meglio nel loro percorso professionale. Da Settembre 2020 a oggi sono stati avviati 82  tirocini di cui 21 sono già arrivati a conclusione.

SERATE CULTURALI

Sono state organizzate nel solo 2021 21 serate ed eventi culturali di cui 10 esclusivamente in remoto, 6 a seguito di call aperte verso gli iscritti e 3 incontri dedicati alle figure femminili nella professione.

PREMI

I tre principali riconoscimenti banditi dall’Ordine degli Architetti di Milano (Il Premio Europeo di Architettura Matilde Baffa Ugo Rivolta, il Premio Internazionale di Fotografia di Architettura e Paesaggio Gabriele Basilico ed il Premio Neolaureati rivolto agli autori delle più meritevoli tesi di laurea discusse al Politecnico di Milano) sono stati consolidati e promossi. A questi premi è stato affiancato il Premio Internazionale di Cinema e Architettura promosso da Milano Design Film Festival (MDFF) e giunto alla sua seconda edizione. Tutti questi premi sono sostenuti da sponsor esterni.

CREDITI FORMATIVI

Sono stati accreditati 261 eventi formativi ed erogati 156.280 crediti formativi solo nel 2020 a seguito della decisione del Consiglio di mettere a disposizione gratuitamente per tutti gli architetti italiani i propri corsi in fad asincrono a sostegno della comunità dei professionisti in un momento di grave emergenza.

STATI GENERALI DEGLI ARCHITETTI MILANESI

Organizzazione degli Stati Generali degli Architetti Milanesi all’indomani del primo lockdown per fare il punto tra professionisti, filiera dell’edilizia e stakeholders, per un totale di 51 ospiti partecipanti ai 6 incontri, sullo stato del settore a ridosso dello scoppio dell’emergenza sanitaria.

PARITÀ DI GENERE

Organizzazione di 6 incontri di dibattito sui temi della parità di genere e dell’inclusione, adozione del timbro al femminile, indagine statistica sull’impatto della prima ondata pandemica sul lavoro delle donne architetto, introduzione della rubrica ArchiPop all’interno della Newsletter, promozione di un ciclo di serate sulle progettiste donna.

SPORTELLI DI CONSULENZA PER GLI ISCRITTI

Conferma e potenziamento degli sportelli per gli iscritti (di consulenza legale, assicurativa, di diritto civile, fiscale e management) erogati anche durante il periodo delle chiusure

COMUNICAZIONE

Rafforzamento della capacità di comunicazione verso i propri iscritti e verso la società nel suo insieme con azioni sia verso il pubblico inteso nel suo senso più ampio sia verso gli stakeholders.

 
colore-verde-b.jpg

PROGRAMMA

LE COSE DA FARE

 

UN ORDINE APERTO

Per continuare ad essere un'istituzione aperta che operi in modo trasparente e che rappresenti un punto di riferimento capace di accogliere tutte le iscritte e tutti gli iscritti

Crediamo fermamente che sia fondamentale continuare sulla strada intrapresa confermando procedure trasparenti e inclusive a garanzia della partecipazione del maggior numero possibile di iscritti/e alla vita ordinistica. Crediamo altresì che sia fondamentale continuare nell’opera di conoscenza dei nostri iscritti, singoli e società, per poter affinare i servizi proposti e comunicarli in modo mirato per una maggiore efficacia e diffusione della conoscenza di quanto offerto dall’Ordine.

LA CULTURA DEL PROGETTO

Perché il nostro ruolo sia quello di comunicare e promuovere in ogni contesto il valore del progetto di architettura e di paesaggio come punto di incontro tra sapere tecnico e cultura umanistica

Riteniamo fondamentale proseguire e rafforzare la presenza pubblica dell’Ordine a ricordare l’importanza della figura dell’architetto e del progetto in seno alla società civile e presso tutti gli stakeholders.
Intendiamo continuare a diffondere la cultura architettonica con l’apertura dei nostri servizi verso un pubblico più vasto della platea degli architetti milanesi raggiungendo anche non professionisti e colleghi non iscritti presso il nostro Ordine.

UN SUPPORTO SEMPRE MAGGIORE

Un accompagnamento sempre maggiore per potenziare un servizio già molto attivo ed efficace di consulenza sugli aspetti legati alla professione quali: rapporti tra professionisti, collaborazioni, contratti, supporto legale e assicurazioni.

Fondandosi sull’esperienza dei tirocini avviata nell’ultimo anno, vogliamo sistematizzare un quadro di riferimento che possa aiutare gli studi e i collaboratori a trovare un equilibrio nei rapporti di lavoro tra professionisti laddove la normativa nazionale non sia dirimente.

PER UN LAVORO ETICO

Per continuare a lavorare - sulla scia dell'esperienza di 'tirocini 2.0' - per sensibilizzare gli iscritti sui problemi legati ai rapporti di lavoro all'interno degli studi nei limiti definiti dal ruolo dell'Ordine.

   

UNO SGUARDO METROPOLITANO

Perché l'Ordine sia un punto di riferimento per l'intera Città Metropolitana promuovendo i processi di partecipazione anche grazie all'efficacia ed all'immediatezza dei nuovi mezzi digitali di comunicazione

Anche grazie alle nuove competenze e ai nuovi strumenti maturati durante la pandemia di Covid-19 che hanno reso la presenza fisica una necessità non più così inderogabile, ci proponiamo di rafforzare ulteriormente l’azione di coinvolgimento di tutta la Città Metropolitana da parte dell’Ordine.

LAVORARE CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Per affiancare a 'Dimmi' nuovi strumenti di dialogo e collaborazione con la Pubblica Amministrazione consolidando il ruolo di ponte tra professionista ed istituzione in un'ottica di costante sussidiarietà

Vogliamo costruire un dialogo con quella che sarà la nuova amministrazione della Città Metropolitana portando all’attenzione sia le esigenze da tempo impellenti di un migliore dialogo con gli Sportelli Unici dell’Edilizia sia la necessità di rinnovare un tavolo di dialogo tra le parti coinvolte nel rinnovo edilizio della città anche in vista delle sfide che il PNRR porterà con sé.

UNA FORMAZIONE PER TUTTI

Affiancare all'offerta formativa gratuita percorsi più articolati marcatamente professionalizzanti

Per affiancare all'offerta formativa gratuita percorsi più articolati, strutturati e diversificati in grado di garantire un maggiore approfondimento tecnico e professionale negli ambiti più diversi

LA CULTURA CONTINUA

Per continuare a divulgare la cultura architettonica attraverso una diversificazione ed una intensificazione della proposta culturale in grado di attirare e coinvolgere non solo i nostri iscritti.

Fondazione OAMi ha avviato durante l’emergenza Covid-19 alcune progettualità sperimentali su nuovi format nativi digitali (podcast, ciclo zoom-in zoom-out) e aderito alla piattaforma Google Arts & Culture nell’ottica di promuovere il patrimonio delle attività prodotte in passato da OAMi e Fondazione OAMi (mostre/itinerari/serate) a un pubblico ampio e internazionale di appassionati e  fruitori dell’architettura milanese. Nella prossima consiliatura è nostro obiettivo mettere a punto una strategia di sviluppo di quanto fatto a oggi in via sperimentale grazie anche all’integrazione con i nuovi tools digitali presenti nel nuovo sito di OAMi e Fondazione OAMi (media archive e altro).